Skip to content

BBC History Italia: Beatrice Orsini Sacchetti fiera oppositrice del Regno d’Italia

Beatrice Orsini Sacchetti fiera oppositrice del Regno d’Italia. BBC History Italia dedica un lungo articolo alla protagonista del libro patrocinato dalla Fondazione.

Beatrice Orsini Sacchetti fu tra i maggiori protagonisti della Roma degli ultimi anni di Pio IX. Inflessibile conservatrice, resistette a pressioni e minacce, e con zelo si meritò il titolo di “Regina Nera”. Così BBC History Italia in un lungo articolo sul numero di Febbraio 2019 delinea la figura della protagonista del libro di Andrea Cotticelli “Beatrice Orsini Sacchetti la regina nera nella Roma papalina del XIX secolo”, edito da De Luca Editori D’Arte, patrocinato della Fondazione Giulio e Giovanna Sacchetti Onlus.

Libro sulla marchesa Beatrice Orsini Sacchetti
Beatrice Orsini Sacchetti la regina nera nella Roma papalina del XIX secolo di Andrea Cotticelli

Nella Roma di Pio IX un vero modello di nobildonna fu sicuramente la marchesa Beatrice Sacchetti, nata principessa Orsini. Donna affascinante e di carattere, ha saputo esercitare una considerevole influenza negli ambienti dell’aristocrazia più vicina alla Corte Pontificia. Figura di spicco di una delle famiglie più in vista del patriziato romano, Beatrice, con la sua discreta ma costante presenza, ha tenuto alta la bandiera del Papato. Colta e raffinata frequentatrice dei salotti e delle occasioni mondane più importanti di Roma, si è mossa con abilità e ingegno nel complicato labirinto della nobiltà di più stretta osservanza cattolica e più vicina al papa”.

BBC History Italia

Febbraio 2019

BBC History Italia – 01/02/2019: “Beatrice Orsini Sacchetti fiera oppositrice del Regno d’Italia”

Fu tra i maggiori protagonisti della Roma degli ultimi anni di Pio IX, quando l’onda risorgimentale spazzò via lo Stato Pontificio, creando un insanabile conflitto tra il Papato e il Regno d’Italia. Inflessibile conservatrice, resistette a pressioni e minacce, e con zelo si meritò il titolo di “Regina Nera”.

Leggi l’articolo

Condividi su...
Condividi su facebook
Condividi su email
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

POTREBBERO ANCHE INTERESSARTI