Torna a splendere a Roma Casa Litta – Palazzo Orsini grazie a un impegnativo e radicale restauro, iniziato a gennaio 2020 e concluso a giugno 2021, finanziato dalla Fondazione Giulio e Giovanna Sacchetti Onlus. Restaurati i soffitti a cassettoni, gli arazzi e gli affreschi delle grandi sale dell’edificio che oggi ospita l’Ambasciata dell’Ordine di Malta presso la Santa Sede.

 

Casa Litta - Palazzo Orsini

La Sala Verde: è stata restaura mantenendo inalterata l’atmosfera della grande casa romana

 

Eretto sulle rovine del Teatro di Marcello, Palazzo Orsini si trova in una delle aree di maggior interesse storico e artistico di Roma, tra il Foro e l’Isola Tiberina. L’edificio è di grande suggestione e unico nel suo genere in quanto è stato utilizzato nel corso dei secoli prima come teatro, poi come fortezza e infine dimora nobiliare delle potenti famiglie Savelli, Sforza Cesarini e Orsini. Un’intera ala del Palazzo, su quattro piani, è divenuta nel 1994 proprietà del Sovrano Militare Ordine di Malta, grazie a un generoso lascito della Contessa Valeria Rossi di Montelera Litta Modignani, prendendo la denominazione di Casa Litta – Palazzo Orsini.

 

Casa Litta - Palazzo Orsini

La Sala da Pranzo: gli arazzi sono stati sottoposti a un intervento di manutenzione e pulizia

 

L’intervento di restauro finanziato dalla Fondazione Giulio e Giovanna Sacchetti Onlus ha interessato tre magnifici saloni di Casa Litta – Palazzo Orsini, di differenti dimensioni, tutti arredati con opere d’arte antiche e preziose.

 

Casa Litta - Palazzo Orsini

La Sala Verde: consolles barocca, busto d’imperatore romano e dipinto di Dughet

 

Gli interventi hanno portato al restauro e alla conservazione, nel Salone Verde, del soffitto ligneo a cassettoni dipinto con motivi floreali e degli affreschi decorativi lungo tutto il perimetro delle pareti, raffiguranti putti che giocano, intervallati nei quattro angoli da figure femminili che reggono stemmi e simboli araldici.

 

Casa Litta - Palazzo Orsini

La Sala Verde: soffitto a cassettoni settecentesco e fascione affrescato entrambi restaurati

 

Nel Salone Giallo è stato restaurato il soffitto ligneo a cassettoni dipinto anch’esso a fioroni. È stata realizzata anche la manutenzione straordinaria e pulizia di otto antichi arazzi che arredano le pareti del Salone Verde, del Salone Giallo e della Sala da Pranzo.

 

Casa Litta - Palazzo Orsini

La Sala da Pranzo: uno dei sei arazzi francesi a grottesche disegnati da Jean Baptiste Monnoyer

 

Tra i pezzi più importanti su cui si è intervenuti, nel Salone Giallo, due arazzi – degli undici esemplari esistenti al mondo – della serie “Paesaggi con animali” realizzati tra il 1611 e il 1614 dall’atelier di Caterine van Den Eynde, che aveva avviato e diretto una delle più famose manifatture attive a Bruxelles tra la fine del Rinascimento e l’inizio del Barocco. Il primo arazzo “Paesaggio con struzzi” venne realizzato da Jan Raes II, il più importante tessitore di Bruxelles, all’inizio del XVII secolo mentre il secondo arazzo della sala recuperato, sempre di Jan Raes II, è “Leopardo su un stagno”, appartenente alla stessa serie commissionata dal cardinale Alessandro Peretti Montalto, uno dei grandi cardinali collezionisti del XVI e del XVII secolo, esposto a Roma per la prima volta circa 400 anni fa.

 

Casa Litta - Palazzo Orsini

La Sala Gialla: si è intervenuto sui due arazzi seicenteschi opera di Jan Raes II

 

Un restauro e un recupero che è stato possibile grazie al contributo della Fondazione Giulio e Giovanna Sacchetti Onlus, che da anni si occupa di riportare alla luce la bellezza del nostro patrimonio artistico, sostenendo con diverse iniziative prestigiose istituzioni italiane. Da settembre 2021 Casa Litta – Palazzo Orsini è nuovamente godibile e completamente recuperato nel suo ricco patrimonio artistico.

 

Casa Litta - Palazzo Orsini

L’Ingresso ai Saloni di rappresentanza di Casa Litta – Palazzo Orsini a Roma

 

Comunicato Stampa e Fasi del Restauro di Casa Litta – Palazzo Orsini