La Fondazione Giulio e Giovanna Sacchetti Onlus per le sue iniziative in campo medico-scientifico al fine di promuovere la ricerca e lo sviluppo scientifico ha stretto una partnership con Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri di Milano, diretto dal professor Silvio Garattini che da anni collabora con la famiglia Sacchetti.

 

Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri IRCCS

.

 

ISTITUTO DI RICERCHE FARMACOLOGICHE MARIO NEGRI IRCCS: L’ IRCCS Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri nasce dall’incontro fra Silvio Garattini, un giovane professore dell’Istituto di Farmacologia dell’Università di Milano e Mario Negri, un gioielliere filantropo.

Silvio Garattini, a seguito di un periodo di visite negli Stati Uniti, aveva notato la differenza di impostazione della ricerca scientifica rispetto alla situazione italiana. In particolare era stato colpito dal concetto di Fondazione, un’organizzazione con le caratteristiche di flessibilità delle attività private che, non avendo scopo di lucro, poteva operare nell’interesse del pubblico.

Mario Negri (1891-1960) è il nome del filantropo milanese che, con un apposito lascito testamentario, rese possibile la costituzione dell’Istituto. Vivamente interessato alla medicina e alla biologia, Mario Negri acquisì negli anni ’50 la proprietà di una piccola industria farmaceutica e, seguendone personalmente i programmi scientifici, entrò in contatto con Silvio Garattini che coordinava un gruppo di giovani farmacologi che svolgevano attività di ricerca presso l’Istituto di Farmacologia dell’Università di Milano.

Negli anni Mario Negri finanziò alcuni programmi di ricerca, constatando come le loro capacità e il loro entusiasmo trovassero un pesante freno nella rigidità e nelle carenze delle strutture universitarie, allora in profonda crisi. Nel 1960 Mario Negri morì a causa di un tumore: all’apertura del suo testamento si apprese che aveva destinato parte del suo patrimonio alla fondazione di un Istituto di cui indicava dettagliatamente caratteristiche e scopi, designandone anche il direttore nella persona del professor Silvio Garattini, animatore del gruppo. Prima di morire Mario Negri aveva condiviso con Garattini le caratteristiche della nuova struttura.

Dopo aver ottenuto le necessarie autorizzazioni burocratiche e legali (per ottenere la denominazione di Ente Morale, oggi Fondazione) sancite dal decreto del presidente della Repubblica 361 del 5/04/1961, iniziò la costruzione di un edificio a Milano, Quarto Oggiaro, dove dal 1 febbraio 1963 partì l’attività della nuova organizzazione con 22 persone. Tra questi spiccano le figure di Luigi Valzelli, Valentino Palma, Emilio Mussini, Luciano Morasca, Lella Bizzi e in particolare Alfredo Leonardi, che è stato con Silvio Garattini uno degli artefici dell’Istituto.

L’Istituto Mario Negri è la prima fondazione italiana interamente dedicata alla ricerca biomedica: una struttura agile, come tutte le attività private, ma dedicata all’interesse pubblico perché appartenente al non profit.

 

La Fondazione Giulio e Giovanna Sacchetti Onlus dal 2015 al 2018, grazie al collaudato rapporto con il professor Silvio Garattini, ha finanziato una borsa di studio annuale sulle malattie degenerative presso l’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri di Milano.

Attraverso la borsa di studio la Fondazione Giulio e Giovanna Sacchetti Onlus ha potuto supportare diversi studi, principalmente volti ad indagare sulla Malattia di Alzheimer, pubblicati o in fase di pubblicazione su prestigiose riviste scientifiche.

Scarica l'allegato : Istituto Mario Negri - Relazione 2016 - Fondazione Sacchetti